Unsere Räume

Zwei Pole, zwei Seelen. Entdecken Sie Orte, wo es ist die Kultur in Szene gesetzt. Bitte kommen Sie in Cannobio, das ganze Jahr.

Lätztest Archiv

NON SOLO BAROCCO Giovedý 22 luglio ore 21 Collegiata San Vittore

  22/07/2021
 
Cultura all'aperto 
 Cannobio Cultura all'aperto 

La Rete Museale Alto Verbano propone

NON SOLO BAROCCO

Giovedì 22 luglio ore 21

Collegiata di San Vittore, Cannobio

 

La stagione culturale  della Rete Museale Alto Verbano, che gode del sostegno dell’Unione del Lago Maggiore e della Fondazione Comunitaria VCO, propone un nuovo appuntamento dal vivo che coniuga arte e musica “Non solo barocco” nella Collegiata di S. Vittore di Cannobio.

Si tratta di un concerto all’organo (recentemente restaurato) a cura di Roberto Olzer, preceduto e intervallato dalle note dello storico dell’arte Stefano Martinella sui capolavori d’arte presenti nella chiesa che ospita l’evento.

Il concerto proporrà un florilegio di brani per organo, dal repertorio barocco con Bach e Marcello, a quello classico, per questo strumento, dei compositori del XIX secolo, Louis J. A. Lefébure-Wely e Antonio Diana.

L’evento è ad ingresso libero fino ad esaurimento posti, per cui è obbligatoria la prenotazione SMS 348 7340347 • tel. 0323 840809 • rete@unionelagomaggiore.it

 

ROBERTO OLZER

Diplomato in Organo e Composizione Organistica al Conservatorio ‘G. Verdi’ di Milano sotto la guida del M° Giancarlo Parodi e, con il M° Alberto Magagni, in pianoforte al Conservatorio di Mantova, si dedica ben presto all’apprendimento e allo sviluppo delle tecniche improvvisative nel repertorio jazzistico grazie alla frequentazione di Ramberto Ciammarughi.

Laureato a pieni voti in Filosofia presso l’Università Cattolica di Milano, affianca all’attività didattica quella compositiva (con vari lavori pubblicati, tra i quali il brano ‘Per Geometrico Destino’ per Soli, Coro e Orchestra, commissionato dal comitato italo-elvetico per le celebrazioni del centenario del traforo del Sempione), quella di arrangiatore, per svariate formazioni tra le quali l’Orchestra Sinfonica del Teatro Coccia di Novara e il Decimino di Ottoni del Teatro la Scala di Milano. Per quest’ultimo, ha arrangiato – tra le altre partiture – un Omaggio a Nino Rota, una Suite dedicata a John Williams, e la Rhapsody in Blue di Gershwin, in cui si è anche proposto quale pianista solista.

Numerose anche le frequentazioni in ambito pop, grazie alle quali ha potuto collaborare con artiste quali Antonella Ruggiero, Tosca, Simona Bencini e Susanna Parigi.

Copiosa infine l’attività concertistica in ambito classico e jazzistico, in Italia, Svizzera, Francia, Germania, Inghilterra e Giappone, tanto come pianista che come organista, in veste solistica e di accompagnatore all’interno di diversi ensemble.

Ha al suo attivo una trentina di album editi da etichette nazionali quali Abeat, Dodicilune, Splasc(h) e Caligola, ed internazionali (Atelier Sawano, Osaka, Japan). Oltre a varie collaborazioni come sideman è alla guida di un proprio Trio, a fianco di Yuri Goloubev al contrabbasso e Mauro Beggio alla batteria, coi quali ha realizzato tre Tour Giappone, nel Giugno 2015, Settembre e Dicembre 2016. I loro CD ‘Steppin’ Out’ e ‘Dreamsville’ sono stati premiati dalla rivista giapponese ‘Jazz Critique Magazine’ come migliori dischi di jazz strumentale rispettivamente del 2013 e del 2016.

Come organista ha recentemente inciso, per TRJ Records, l’album ‘Stile Antico’, sull’organo Luigi Biroldi di Quarna Sotto (VB), con la partecipazione di Giancarlo Parodi e Stefano Gori al flauto.

Ha composto, per Organo, ‘Fantasia su B.A.C.H.’ (2016) e ‘Preludio, Fuga e Corale’ (2013), entrambe dedicate al M.o Parodi, che ne ha tenuto la Prima esecuzione, ed edite dall’editrice Carrara di Bergamo nel volume ‘Hortus Deliciarum’.

Weiter

PINO DEODATO

  dal 05/09/2020 al 25/10/2020
 
Mostre 
 Palazzo Parasi 

L’ARTISTA

Pino Deodato (1950) vive e lavora a Milano. Le sue opere sono state esposte in prestigiose gallerie e istituzioni, in Italia e all'estero. Deodato esprime la sua poetica con la pittura e la scultura. L'artista fa propria la ricerca del dettaglio, che accompagna lo spettatore in un percorso al confine tra sogno e realtà. Metafore e allegorie. Mosaici di storie e narrazioni. Diari di vita e di esistenze. Quello di Deodato è un viaggio verso l'introspezione e la riflessione più intima. Un invito a conquistare quello spazio che ciascun individuo ha, e deve avere, nell'universo.

 

LA MOSTRA

La consustanzialità tra uomo e natura è il filo conduttore dell’esposizione concepita per Palazzo Parasi. Deodato esplora, con i mezzi tipici della sua produzione, la continuità ineludibile tra Uomo e Natura - come il Pianeta fosse un enorme nastro di Möbius- dove tutto torna e ritorna e dove la cura reciproca diventa modus vivendi e che, nelle sue opere, è già realtà. Deodato da sempre predilige l’uso dell’ingobbio e della terracotta per le sue creazioni. Si tratta solitamente di piccole sculture -vere e proprie miniature in alcuni casi- che si compongono in storie solitarie eppure corali di personaggi che si ripetono assurgendo a simboli dell’Uomo contemporaneo. Nascoste nelle diverse sculture ci sono citazioni colte ed omaggi a rappresentanti del mondo dell’arte (come ad esempio Caspar David Friedrich) o della letteratura (come Il giovane Werther di Goethe) ma anche veri e propri omaggi al mondo della Natura (come la rappresentazione dell’ape regina, tragicamente in via di estinzione).

L’influenza dell’arte giapponese del kokedama (letteralmente l’arte di allevare le piante senza vaso) è fonte di ispirazione per una nuova tipologia di soggetti che animano la mostra di Palazzo Parasi: sfere ricoperte di vegetazione e animate da piccoli uomini indaffarati a curarle.

 

Inaugurazione: sabato 5 settembre ore 18.00 nel rispetto delle misure anti covid-19

Obbligo mascherina indossata e distanziamento. PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA rete@unionelagomaggiore.it; SMS o Whatsapp +39 348 7340347 tel. +39 0323 840809

Orari di apertura: martedì –giovedì –sabato ore 10:30/12:30  16:30/18.30

                            mercoledì – venerdì ore - 16:30/18.30 domenica ore 10:30/12:30  

 

DALLA TERRA ALLA TERRA...DARE FORMA AL PENSIERO (VIDEO)

 

Weiter

ANGELO BOZZOLA

  dal 03/07/2020 al 30/08/2020
 
Mostre 
 Palazzo Parasi 

Angelo Bozzola (Galliate, 1921-Desana, 2010) è stato uno storico componente del MAC milanese (Movimento per l’Arte Concreta attivo dal 1948 al 1958). La sua ricerca astratta si è indirizzata all’identificazione di elementi formali dalla valenza archetipica e primaria con cui ha messo a punto un codice espressivo declinato creativamente in modo variegato. Ha realizzato opere pittoriche, grafiche, di arte applicata ma soprattutto sculture, anche di grandi dimensioni per spazi aperti, che fanno del materiale metallico e della modularità la propria cifra stilistica e denotativa. 

La MOSTRA presenta al pubblico una selezione di opere non–oggettive realizzate tra il 1954 e il 1988. Il titolo quanto mai emblematico, Un codice per una forma, sottolinea l’obbiettivo della mostra che è quello di rendere manifesto il percorso che ha portato Angelo Bozzola  a definire prima una sua “forma personale” di riferimento, la “superficie trapezio/ovoidale”, e successivamente un proprio codice espressivo centrato sull’analisi e sugli sviluppi sia grafici che materici (tridimensionali) di questa sua invenzione figurale. Sono esposte opere pittoriche e scultoree del periodo della sua adesione al MAC Milanese e gli sviluppi successivi, in cui sono stati sperimentati materiali e tecniche diverse (soprattutto metalli laminari per sculture e bassorilievi, ma anche medium fotografici e cartacei) con esiti molto differenziati ma dalla cifra stilistica personale e riconoscibile. Un percorso che partendo dalla singola “Forma concreta” arriva, attraverso organizzazioni e permutazioni, all’Iterazione”, che diventa scrittura plastica dalla forte valenza espressiva e propositiva.

 

Palazzo Parasi dal 3 luglio 2020 al 30 agosto 2020

Inaugurazione mostra venerdì 3 luglio alle ore18.00 on line con visita virtuale a cura di Fabrizio Parachini, trasmessa in anteprima sul canale YouTube la pagina Facebook della Rete museale Alto Verbano tramite il link  https://www.youtube.com/channel/UCiFoBLioewwF_tWrORfNGDg

Orari di apertura mostra: da Martedì a Sabato: 10.30-12.30 / 16.00-19.00

                                            Domenica: 10.30-12.30

 

VISITA GUIDATA ALLA MOSTRA ANGELO BOZZOLA

ANGELO BOZZOLA UN CODICE PER UNA FORMULA

 

Weiter

30 MAGGIO VECCHIA SARAI TU!

  dal 11/03/2020 al 30/05/2020
 
Teatro-Cabaret 
 Teatro Nuovo 

Alla luce dei recenti avvenimenti e delle vigenti disposizioni governative, lo spettacolo “VECCHIA SARAI TU” di e con Antonella Questa previsto per SABATO 28 marzo viene posticipata a SABATO 30 MAGGIO ore 21.00.

 

VECCHIA SARA TU di e con Antonella Questa

SABATO 28 MARZO 2020 - ORE 21.00 - TEATRO NUOVO Cannobio

REGIA Francesco Brandi - PRODUZIONE La Q-Prod

Lo spettacolo è uno spassoso trittico che verte su tre storie di donne, tre generazioni differenti, che vivono ognuna una surreale condizione di solitudine legata allo scorrere del tempo. C’è la solitudine coatta dell’ottantenne Armida, chiusa dentro un ospizio dal quale vuole fuggire per vivere “come le pare” il poco tempo che ancora le resta; sua nuora, la quarantacinquenne Sabine, vive invece nella disperata ricerca di congelare il tempo della sua giovinezza sfiorita e di sconfiggere l’invecchiamento che la incalza; Monica infine, la nipote di venticinque anni, tra precarietà lavorativa e sentimentale non riesce a godere fino in fondo della sua giovinezza – che fugge tuttavia – troppo preoccupata dal non trovare un posto dove immaginare il suo futuro. Un monologo comico per esorcizzare la paura di invecchiare e ricordarsi che “vecchia”… lo sarai anche tu!

Interprete Antonella Questa, attrice di lunga esperienza in ambito teatrale, vive e lavora tra l’Italia e la Francia. È stata tra i protagonisti della “Fattoria dei Comici” di Serena Dandini, sia in teatro che in televisione.

Genere: contemporaneo, comico

Durata: 1 h 30 m

Per informazioni ed acquisto rivolgersi alla Pro Cannobio via A.Giovanola (Palazzo Parasi) tel. 0323/71212

I biglietti saranno in vendita da un mese prima l'inizio dello spettacolo al costo di € 20.00 intero e € 17.00 ridotto (ragazzi fino a 14 anni e ultra 65enni)

Weiter

23 aprile GLI UOMINI VENGONO DA MARTE, LE DONNE DA VENERE

  dal 06/03/2020 al 23/04/2020
 
Teatro-Cabaret 
 Teatro Nuovo 

Alla luce dei recenti avvenimenti e delle vigenti disposizioni governative, lo spettacolo “GLI UOMINI VENGONO DA MARTE , LE DONNE DA VENERE” di Deborah Villa previsto per venerdì 6 marzo viene posticipato a GIOVEDI' 23 APRILE ore  21.00.

 

GLI UOMINI VENGONO DA MARTE, LE DONNE DA VENERE

GIOVEDI' 23 APRILE 2020 - ORE 21.00 TEATRO NUOVO Cannobio

con Deborah Villa

Debora Villa, da “Camera Cafè”, dove ha interpretato la segretaria Patti, passando per “Zelig” e “Colorado”. Ma Debora Villa è molto di più: tra televisione, radio, cinema e teatro, è riuscita e riesce sempre ad alternare ruoli comici o di conduttrice brillante, a ruoli drammatici in fiction tv. Il testo di John Gray è un best seller mondiale che ha venduto cinquanta milioni di copie ed è stato tradotto in quaranta lingue, si basa su un pensiero tanto semplice quanto efficace: gli uomini e le donne vengono da due pianeti diversi. A portare in scena l’adattamento teatrale, una esilarante terapia di gruppo collettiva, del libro più celebre dello psicologo statunitense John Gray sarà per la prima volta in assoluto una donna: l’attrice Debora Villa. Debora vi condurrà per mano alla scoperta dell'altro sesso senza pregiudizi. Per la prima volta quindi, sarà una rappresentante di Venere a ricordarci, con la sua comicità travolgente e irriverente, raffinata e spiazzante, quali sono le clamorose differenze che caratterizzano i Marziani e le Venusiane.

Genere: comico

Durata 1 h 40 m atto unico

Per informazioni ed acquisto rivolgersi alla Pro Cannobio via A.Giovanola (Palazzo Parasi) tel. 0323/71212

I biglietti saranno in vendita da un mese prima l'inizio dello spettacolo al costo di € 20.00 intero e € 17.00 ridotto (ragazzi fino a 14 anni e ultra 65enni)

 

Weiter

GAGMEN - I FANTASTICI SKETCH

  22/02/2020
 
Teatro-Cabaret 
 Teatro Nuovo 

GAGMEN    

I FANTASTICI SKETCH

SABATO 22 FEBBRAIO 2020 - ORE 21.00 - TEATRO NUOVO Cannobio

LILLO & GREG

DI CLAUDIO GREG GREGORI E PASQUALE LILLO PETROLO

REGIA LILLO & GREG E CLAUDIO PICCOLOTTO

Un nuovo sfavillante “varietà” firmato Lillo&Greg che ripropone ulteriori cavalli di battaglia della famosa coppia comica, questa volta tratti non soltanto dal loro repertorio teatrale, ma anche da quello televisivo e radiofonico.

L'umorismo colto e sagace della storica coppia comica torna sul palco, più forte che mai, con pillole esilaranti di risate concentrate. Gagmen, I fantastici sketch. Il titolo parla chiaro: la forma più basica e diretta della comicità di Lillo&Greg, gli sketch, essenza più pura del divertimento, depurato da qualsiasi orpello narrativo. Una lettura della realtà colta e intramontabile che non teme confronti stilistici o temporali grazie al suo stretto legame con le attitudini umane più viscerali e per questo immutabili e sempre attuali.

Genere. Comico, cabaret

Durata: 2 h con un intervallo

Per informazioni ed acquisto rivolgersi alla Pro Cannobio via A.Giovanola (Palazzo Parasi) tel. 0323/71212

I biglietti saranno in vendita da un mese prima l'inizio dello spettacolo al costo di € 25.00 intero e € 20.00 ridotto (ragazzi fino a 14 anni e ultra 65enni)

Weiter